Don Tommaso

Parrocchia di san Vito al Gianbellino, Milano.

Don Tommaso

Sentirsi a casa.

Non c’è over 40 che non conosca il quartiere Gianbellino alla periferia ovest di Milano e dato che il nostro paese non è fatto di giovanissimi stiamo parlando di un buon numero di persone. A renderlo celebre, fu negli anni 60, la ballata del Cerutti Gino che come allora cantava Giorgio Gaber, passava le giornate seduto al bar del Gianbellino e tutti lo chiamavan Drago. La canzone era così famosa che quando Giorgio Gaber ci ha lasciati, qualcuno scrisse oggi è morto Cerutti Gino ed in molti piansero entrambi senza nulla togliere al grande cantautore.
Era il romantico racconto di un quartiere un tempo regno della mala milanese, dove l’eroina alla fine degli anni 70 ha quasi sterminato un’intera generazione.

Don Tommaso
Don Tommaso
Don Tommaso
Don Tommaso
 
Don Tommaso
Don Tommaso
Don Tommaso
Don Tommaso
 

 

Oggi la situazione è diversa anche se, come per molte periferie ancora difficile, ma il Gianbellino non molla. È da sempre un quartiere coraggioso e combattivo, una fucina di idee, un pullulare di associazioni, una ricchezza nata dall’incontro di genti diverse per estrazione, nazionalità e cultura.

La parrocchia di San Vito al Gianbellino cuore pulsante del quartiere e ricca di tre sacerdoti, ne incarna pienamente i tanti volti sfaccettature comprese.
Don Tommaso, il più anziano con il sorriso comprensivo di chi conosce bene la fragilità umana, don Giacomo, uno dei volti più giovani tra i nuovi sacerdoti e don Antonio Torresin, con la sua azione pastorale ricca del desiderio di accoglienza ispirato alla vita di Gesù del quale dice: “Gesù ha vissuto così la propria missione, aprendo la sua umanità come spazio ospitale e lasciandosi accogliere nelle case e nella vita degli uomini che incontrava: lo ha fatto vivendo l’ospitalità nei due sensi nei quali la si pratica: ospitare e lasciarsi ospitare.”

Sono i tre volti del quartiere, quello dolce degli anziani nati al Gianbellino e ormai storici abitanti, dei giovani che riscoprendolo tornano a viverci, degli immigrati che ne colorano le vie con lingue e culture differenti. E in parrocchia, casa accogliente di tanta umanità, certo non manca lo spazio per generazioni ed etnie diverse, e lo stare insieme si trasforma in momento di fede e socialità.

Forse lontani dalla “Milano da bere”, dai bar eleganti della città più europea d’Italia, ma vicini l’uno all’altro in uno spazio, quello della parrocchia di san Vito al Gianbellino, dove c’è posto per tanti anche se diversi tra loro e dove solo la solitudine fatica a sentirsi a casa.

Nel loro piccolo fanno grandi cose. Anche tu puoi.

DONA ORA

image

Don Sergio Chiesa

Prete della diocesi di Novara e nutrizionista Tutto torna Siamo a Lampedusa, l’isola che per tutti noi rappresenta l’accoglienza.La storia Continua
image

Don Mimmo Zambito

Parroco di Lampedusa Tutto torna Siamo a Lampedusa, l’isola che per tutti noi rappresenta l’accoglienza.La storia che raccontiamo, vuole, attraverso Continua
image

Don Diego Conforzi

Parrocchia Sant'Ugo, Val Melania, Roma. La mia casa è dove mi sento in famiglia “La periferia? È il luogo della Continua
image

Don Luigi Milano

Parecchia di San Leone II, Gragnano Stare Insieme Siamo a Gragnano, nella diocesi di Castellamare di Stabia - Sorrento, terra ad Continua
image

Don Massimiliano Parrella

Chiesa S. Maria Assunta e San Giuseppe, Primavalle, Roma. La borgata nel cuore Il quartiere Primavalle, stretto tra via di Continua
image

Padre Palmiro Prisutto

Chiesa Madre, Augusta, Siracusa. Una messa per la vita. Sono le 18,30 e le campane della Chiesa Madre di Augusta Continua
  • 1
  • 2
  • 3